Richiesta di informazioni
Desidero ricevere informazioni sulle seguenti soluzioni: *
Oppure CHIAMACI
Tel +39 035270820

VIBRODISTENSIONE

VIBRATORY-STRESS-RELIEF

L'Esperienza il nostro valore aggiunto

TRATTAMENTO DI DISTENSIONE MEDIANTE VIBRAZIONI MECCANICHE
Vibrazioni indotte a basse frequenze per ridurre le tensioni residue su strutture elettrosaldate in carpenteria composta.
Anni di esperienza
41
Rapidità di intervento
Tempo medio singolo ciclo: 35min

Cosa è la vibrodistensione?

Il termine Vibration Stress Relief (VSR) identifica un metodo metallo fisico di stabilizzazione dimensionale di un componente o struttura metallica mediante vibrazioni forzate. In uso sin dagli anni ’60 negli USA, il metodo di distensione mediante vibrazioni forzate consiste nel far vibrare il pezzo da stabilizzare, per un determinato periodo di tempo, a determinate frequenze di risonanza grazie ad un motovibratore a masse eccentriche variabili.

Quando effettuare la vibrodistensione:

  • In caso di strutture complesse con cordoni di saldatura intersecati
  • In caso di strutture che devono operare a temperatura ambiente
  • In caso di strutture con acciai a medio tenore di C o legati
  • In caso di strutture soggette a corrosione
  • In caso di strutture o componenti che devono subire lavorazioni da machine utensili

Perché la vibrodistensione è importante?

La vibrodistensione è funzionale alla riduzione delle tensioni residue che si manifestano in ogni manufatto che subisca lavorazioni meccaniche, saldature, processi chimici o metallurgici.

Ridurre le tensioni residue significa

  • ridurre il rischio di distorsioni in seguito a lavorazioni di macchina e fresa
  • ridurre il rischio di distorsioni ritardate
  • ridurre il rischio di rotture a fatica anticipate

Vibrodistensione... animo green PER NATURA

il beneficio di una tecnologia a basso costo e a basso impatto ambientale
Ridurre fino al 95% il consumo di energia in rapporto al classico sistema di ricottura in forno, senza ovviamente sacrificare la qualità del risultato.
Ridurre il consumo di carburante e quindi di emissioni nocive in ambiente eliminando la necessità di trasposto dei componenti presso le aziende dotate di forni di ricottura.
Ridurre l'utilizzo di pezzi di ricambio:
ricorrendo al trattamento di distensione, dopo un certo periodo di esercizio, è possibile prolungare la vita media del componente. Questo significa abbatterei i costi energetici necessari alla produzione di un nuovo componente in sostituzione di quello rotto.
Qualche elemento di confronto tra le due principali metodologie di distensione...

Trattamento termico

  • metodo affidabile se correttamente applicato;
  • può generare tensioni aggiuntive che comportano variazioni strutturali o dislocazioni se procedura non correttamente eseguita (raffreddamento troppo rapido; mancanza di un costante monitoraggio delle temperature);
  • può dar luogo a fenomeni di ossidazione delle superfici, a meno che non vengano poste in atto misure particolari come il trattamento sottovuoto o in atmosfera inerte.
Parametri fondamenti da tener presenti:
  • energia termica,
  • costi di trasporto (magari speciale),
  • costi di movimentazione,
  • costi per una eventuale raddrizzatura,
  • ossidazione,
  • costi relativi al tempo di fermo macchina
  • costi ambientali

Vibrodistensione

Risparmio
  • Tempo: i tempi di intervento medi su singolo componente trattato sono di 1÷2h
  • Economico: 95% più economico (eliminazione di trasporti, movimentazioni, fermi macchina, tempi morti)
Qualità dell'output
  • Buono come/migliore rispetto alle altre tecnologie
  • Maggior resistenza a fatica dei componenti trattati
  • Riduce riparazioni, scarti e ri-lavorazioni
Processo sempre sotto controllo da parte dell'operatore
  • Applicato quando e dove è necessario.
  • Nessun limite di peso o dimensione.
Ulteriori vantaggi da non sottovalutare:
  • Lotti ridotti di prodotto
  • LT accorciati
  • Tempi di lavorazione ridotti
  • Maggiori standard qualitativi
  • Prezzo più competitivo
Un po' di storia sui metodi utilizzati per raggiungere la stabilità dimensionale...

martelli di legno per neutralizzare le eventuali deformazioni.

esposizione all'aria aperta sfruttando il ciclo della temperatura giorno/notte/anno.
Curiosità: Il metodo è utilizzato ancora oggi, nonostante l'elevato costo di magazzinaggio: fino a due anni di immobilizzo.

metodo cosiddetto "di fonderia": consistente nell'induzione di una violenta vibrazione a risonanza naturale ottenuta facendo cadere i pezzi lavorati da una gru in un box di sabbia, per prevenire l'insorgere di deformazioni durante le successive lavorazioni.

Trattamento termico in forno: riduzione dello stress tramite trattamento termico.

Se correttamente applicato, questo metodo si segnala per la sua alta affidabilità.

Nei casi di trattamenti con errori procedurali, come un troppo rapido raffreddamento o la mancanza di un costante controllo della temperatura, si possono ottenere risultati opposti, generando tensioni aggiuntive come variazioni strutturali o dislocazioni.

Curiosità: è il procedimento che, ai nostri giorni, è il più conosciuto e diffuso, nonostante il costo elevato, sia in termini economici sia ambientali.

Distensione mediante vibrazioni forzate VSR:
consiste nel far vibrare per un determinato periodo di tempo il pezzo da trattare a determinate frequenze di risonanza rilevate dal sistema di analisi dell'unità centrale e attivate da un motovibratore a masse eccentriche variabili regolabili.

Curiosità: nuovo, ma non nuovissimo in realtà; questo metodo di intervento è in uso sin dagli anni '60 negli USA